lunedì 2 aprile 2018

Il Sole ci distruggerà?

Newsweek e The Conversation hanno lanciato un allarme impressionante: il Sole potrebbe attaccare in modo definitivo, mediante una scarica elettromagnetica generata da una eiezione di massa coronale, ogni dispositivo elettrico e magnetico, causando un pesantissimo blackout generale, o almeno in quella porzione di pianeta colpita dalle radiazioni. 

I media, anche in Italia, stanno proponendo questo pericolo, a dire la verità, ultimamente molto considerato dagli astronomi. Se vedrete, di notte, il cielo illuminato a giorno da bagliori rosso-verdi, vuol dire che il nostro mondo sta regredendo a condizioni proprie dell'età pre-industriale in moltissime aree. Niente internet, elettricità, acqua, ecc. A seconda dei danni subiti, ci vorranno anni o decenni per tornare alla vecchia civiltà, e quindi sostituire motori, apparecchi elettromagnetici, computer, ecc. 

I media ricordano quel che accadde in nel 1859 quando andarono in tilt i telegrafi. Oggi, dipendiamo dalla tecnologia molto più strettamente e le conseguenze sarebbero ovviamente peggiori. Forse si salverebbero gli apparecchi a batteria. Una tempesta solare come questa, accade quando un’eruzione magnetica su larga scala causa un’espulsione di massa coronale sulla superficie del Sole e le particelle cariche nell’atmosfera solare sono scagliate a velocità molto elevate (verso la Terra). 

I protoni, per citare la fonte di particelle più abbondante, possono attraversare i 150 milioni di chilometri dal sole verso la Terra in soli 30 minuti.Una volta entrate nella nostra atmosfera, le particelle dovrebbero essere veicolate verso i poli magnetici Nord e Sud. E se accade una tempesta più imponente di quella che colpì la Terra nel 1859, elettroni e protoni, lanciati verso le linee magnetiche terrestri, si scontrerebbero con l’atmosfera e la ionosfera, in particolare alle alte latitudini con effetti devastanti. Industria e agricoltura, ormai tristemente industrializzata anch'essa, soffrirebbero per la mancanza di acqua, veicolata ovunque nel mondo civilizzato tramite l'elettricità che fa muovere motori e pompe e si paralizzerebbero. Solo le energie alternative potrebbero supplire, ma cosa accadrebbe, per esempio, alle centrali atomiche, resta da decifrare.  

Comunque la tempesta è già in corso e alcune regioni del pianeta sono già illuminate da particolari effetti di luce notturni, USA, Canada e Norvegia in particolare. 

Risultati immagini per tempesta solare

Nessun commento:

Posta un commento