domenica 10 settembre 2017

Beati i penultimi?

Li avete sentiti i nostri farneticanti politici gridare al miracolo italiano? Li avete sentiti, i media servi, a cominciare da televisioni e giornali, riportare le strombazzate glorie italiche? 

Peccato che venga, ora, il rapporto mensile OCSE che dipinge un quadro ben diverso: il prodotto interno lordo italiano, nei primi due trimestri del 2017 è cresciuto meno di tutti, in Europa, a parte la Grecia. E', praticamente, attestato sui livelli del 2010. 

Da noi, la disoccupazione, specie nel Sud e specie quella giovanile, tiene banco. La micidiale Legge Fornero, che il poco lavoro che c'è lo riserva a cinquantenni e sessantenni, lascia i giovani a casa o li condanna al lavoro invisibile, cioè al lavoro nero. E questo genera la diminuzione dei nuovi nuclei familiari, che sono un vero e proprio centro di spesa, a partire dai mutui per la casa, dalle spese tipiche di una famiglia, fino all'acquisto di beni e servizi come mobili e auto. 

L'economia messa in ginocchio dalle mortifere imposizioni della UE e dei suoi servi sciocchi: i nostri politici, presenti e passati. 

Siamo con le pezze al culo, questa è la verità: un'economia praticamente immobile se non stagnante, con negozi che chiudono e disoccupati storici (i quarantenni e i cinquantenni disoccupati, il lavoro nemmeno lo cercano più, uscendo dalle statistiche ufficiali). Altro che successi da Job Act, maledetti bugiardi-accattoni! 

E l'euro finisce di fare il lavoro utile soprattutto alla Germania, inibendo le nostre esportazioni con una moneta spropositata per un'economia in affanno come la nostra.

Questa gentaglia che ci sgoverna probabilmente non andrà via fintanto che ci sarà qualcosa da spolpare in questo povero Paese: la residua ricchezza nel risparmio familiare. Vedrete che seguiranno provvedimenti in tal senso. E come al solito, non potrete dire che non vi avevamo avvisati.

Risultati immagini per pil italiano

Nessun commento:

Posta un commento